ORA LA VETTA A -6

ORA LA VETTA A -6

IL MANCINO DI SIVILLA  STENDE IL  TERMOLI

 

FANO – Operazione avvicinamento compiuta. L’Alma con un magico sinistro di Sivilla non si fa sfuggire l’occasione di ridurre la distanza con la Maceratese e supera un Termoli comunque ostico. Sulla panchina giallorossa esordio amaro per Giuseppe Di Meo contestato dal popolo granata a causa dell’esperienza del tecnico di qualche anno fa sulla alla guida della Pro Vasto. Inizio sprint per gli ospiti che all’11’ hanno una grande opportunità con Cremona, Ginestra in uscita gli nega il gol. Al 22’ è l’Alma a mettere la freccia del sorpasso. Olivi riceve al limite e suggerisce per Sivilla che di mancino calcia e, complice una deviazione, beffa Marconato per l’1 a 0. La formazione granata con un buon possesso palla abbassa i ritmi di gioco e riesce a rendersi pericolosa con le conclusioni di Borrelli. Nella ripresa l’Alma però cala fisicamente mettendo nelle condizioni il Termoli di uscire: i giallorossi attaccano con insistenza, tanto che Di Matera sugli sviluppi di una punizione potrebbe pareggiare, provvidenziale Torta. Il forcing del Termoli è straripante, l’Alma non riesce a mettere il naso dalla propria metà campo. Gli attaccanti Sivilla e Gucci non riescono a far respirare i suoi compagni. Nel recupero di 5 minuti però i molisani non riescono a rimettere in carreggiata l’incontro. Quando l’arbitro fischia per l’1 a 0 finale, dal Mancini si alza un boato. I giocatori come sempre vanno a cantare sotto la curva, i tifosi sono in visibilio.La Maceratese è più vicina, la rimonta diventa immagine più nitida.

saluti 3 (1)-compressed