K.O A JESI

K.O A JESI

DECIDONO RAGATZU E L’EX TRUDO

 

JESINA (4-3-3): Niosi; Calcina, Tafani, Fatica, Carnevali; Cardinali, Arati (78’ Frulla), Compagnucci; Cameruccio (85’ Marco Sassaroli), Ragatzu (89’ Sampaolesi), Trudo. A disp.: Cecchini, Cesaroni, Piersanti, Alessandroni, Remedi, Pierandrei. All.: Bugari.
ALMA JUVENTUS FANO (4-3-1-2): Ginestra; Gregorini, Nodari, Verruschi, Bartolini; Favo, Lunardini (85’ Chiacchiarelli), Borrelli; Falsaperla (63’ Palazzi); Gucci (85’ Buongiorno), Sivilla. A disp.: Marcantognini, Mei, Lucciarini, Camilloni, Mattia Sassaroli, Salvato. All.: Alessandrini.
ARBITRO: Meocci di Siena.
RETI: 6’pt Ragatzu (J), 16’pt Trudo (J).
NOTE: ammoniti Borrelli, Verruschi, Gregorini, Bartolini, Lunardini, Niosi; angoli 5-6; recupero 0’+4’; spettatori 1000

Jesi – Ragatzu e Trudo stendono l’Alma che incappa nella seconda sconfitta di fila dopo quella rimediata 7 giorni fa con la Samb. Alessandrini deve fare a meno di Marconi squalificato e dell’infortunato Torta, così le chiavi della difesa sono consegnate alla coppia centrale Verruschi, prima da titolare, e Nodari mentre sulla corsia bassa di destra agisce Gregorini. A centrocampo Lunardini in cabina di regia protetto da Favo e Borrelli con Falsaperla a cui è affidato il compito di ispirare Sivilla e Gucci. La Jesina ha un ottimo impatto con il match e passa in vantaggio con Ragatzu al 6’: Trudo va via a Gregorini sulla destra e mette al centro per la testa dell’ex Fermana che batte Ginestra. La rete galvanizza i padroni di casa che in diverse occasioni mettono in difficoltà i granata che sono salvati da Ginestra al 14’ bravo a respingere di piede una botta a colpo sicura di Cameruccio. Il raddoppio si concretizza al 16’ con Trudo: calcio d’angolo per l’Alma che perde palla, la riconquista l’ex di turno che si fa metà campo tutta di corsa e insacca superando Ginestra in uscita. L’unica occasione della gara creata dal team di Alessandirni è sprecata da Favo che solo davanti alla porta calcia in bocca a Niosi. La Jesina regge,l’Alma non trova la via del gol così si va negli spogliatoi sempre sul 2 a 0. Nella ripresa i granata provano a spingere ma la difesa leoncella riesce a contenere tutte le offensive, tranne una. Minuto 63’, Gucci, imbeccato da Sivilla supera di testa Niosi sulla traiettoria si fionda Borrelli che spinge la palla in rete. L’arbitro annulla su segnalazione del guardalinee. La Jesina così, superata la fase critica, si chiude e riparte in contropiede con la velocità di Trudo e l’incisività di Ragatzu. Nemmeno gli ingressi di Chiacchiarelli e Buongiorno cambiano le sorti delle gara, così dopo 5 minuti di recupero la sfida termina. Seconda sconfitta di fila, ma la testa della classifica rimane comunque in pungo ai granata.