INTERVISTA A GIANLUCA CARPANI

Nonostante la giovane età, può definirsi uno dei “senatori” della squadra allenata da mister Fontana. Con le sue 115 presenze tra i pro, Gianluca Carpani, classe 1993, entra di diritto nella cerchia dei più esperti del gruppo neofita granata, pronto a mettere la sua conoscenza a disposizione dei più giovani. “Negli anni scorsi, prima in B e poi in C, ho accumulato un po’ di esperienza che ha arricchito il mio percorso calcistico e personale. Sono venuto qui all’Alma per rimettermi in gioco e cercare di fare risultati importanti con questa maglia. Siamo una squadra giovane e, seppur aggregati da un breve lasso di tempo, insieme al mister abbiamo iniziato a lavorare sin da subito in maniera affiatata e compatta e daremo il massimo per raggiungere gli obiettivi”.

Quali le prime sensazioni in questo ritiro precampionato?
“Sensazioni molto positive. Ho trovato un gruppo di ragazzi molto giovane che però lavora sodo e uno staff molto preparato che ci segue passo per passo, non tralasciando mai nulla al caso. Il mister lo conoscevo già e sapevo del suo metodo di lavoro certosino e meticoloso che coadiuva la nostra crescita giornaliera. Stiamo recuperando il gap dovuto al ritardo ma non ritengo sia un problema. Ora testa a domenica perchè c’è una partita importantissima e vogliamo far risultato”.

Quanto ti gratifica indossare la la fascia da capitano?
“Avere indosso al braccio la fascia da capitano per me è un onore. Sono orgoglioso che il mister e la società abbiano creduto in me, sia come giocatore che, soprattutto, come persona e cercherò in tutti i modi di ripagare questa fiducia”.

Quanto pesa la fascia da capitano?
“Guardare il braccio bardato dalla fascia suscita orgoglio ma, allo stesso tempo, ti rende cosciente degli oneri che comporta. Ci sono delle responsabilità oggettive perchè il capitano rappresenta un gruppo, ed è consapevole che certi atteggiamenti in campo non sono tollerabili perchè deve essere da esempio per tutta la squadra. Per me è un onore essere a capo di questo gruppo di ragazzi eccezionali che sta dando tutto e si sta impegnando veramente tanto. Sono davvero felice”.

Domenica l’incontro da ex con la Samb.
“A San Benedetto sono stato per tre anni e non posso che ringraziare la società e la città perchè hanno aperto le porte della mia carriera. Con i rossoblù ho vinto un campionato di Serie D poi, a causa della mancata iscrizione e del baillame che ne era scaturito, sono andato via. Alla Samb mi sono trovato veramente bene e ricordo con affetto sia la società che la tifoseria. Per me sarà una gara speciale ma adesso devo pensare solo all’Alma”.

Phone: 0721 828820
Fax: 0721 837329
via A. Toscanini
Italia, 61032 Fano