IL DIRETTORE GENERALE SIMONE BERNARDINI DOPO LE PRIME TRE GARE DI CAMPIONATO

Fano, 4 ottobre – Dopo il pareggio contro l’Imolese l’Alma è tornata martedì ad allenarsi in vista della delicata trasferta di domenica allo stadio “Barbetti” contro il Gubbio. Nelle prime tre giornate di campionato i ragazzi di mister Epifani hanno conquistato due punti, un bottino esiguo che però non scalfisce i passi avanti compiuti dalla squadra in questa prima parte di stagione. A fare il punto della situazione, dopo le prime giornate di campionato, è intervenuto il direttore generale granata Simone Bernardini.

 

Contro l’Imolese nella gara d’esordio al “Mancini” è arrivato un pareggio con qualche mugugno. Forse dopo la prestazione con il Sudtirol ci si aspettava qualcosa di più?

“Certamente tutti si aspettavano i 3 punti, ma poi in campo ci sono anche gli avversari che difficilmente ti stendono il tappeto rosso. Per quanto riguarda invece i mugugni, ascoltati personalmente dalla tribuna, dico che questa è una squadra rinnovata per l’80% e con un età media molto bassa ,forse la più bassa del nostro girone, credo sia normale che inizialmente si debba soffrire e combattere contro chiunque. Per per questo motivo dico a tutti di guardare con fiducia al futuro, rievocando un vecchio detto: ‘la lana si pesa alla fine del caroso’ “.

 

Il primo tassello della nuova stagione dell’Alma, da quando lei è arrivato, è stato l’ingaggio di mister Massimo Epifani. Come valuta il suo operato in questa prima parte di stagione?

Massimo ed il suo staff compreso il DS Bocchetti hanno fatto un buonissimo lavoro finora e noi siamo felici di averli scelti. E’ normale che ancora si devono affinare alcuni meccanismi, ma sono sicuro al 100% che lui, da uomo intelligente qual è, troverà la giusta quadra. Domenica contro l’Imolese, ma non solo in questa partita, ho potuto constatare nuovamente con piacere la grande capacità del mister di leggere la partita. Con la sostituzione di Lulli, uno dei migliori della gara, arretrando Lazzari a verticalizzare e con gli inserimenti di Diallo e Morselli siamo arrivati al pareggio creando anche altre situazioni pericolose”.

 In questo ultimo periodo ha tenuto banco la questione legata allo stadio “Mancini”, com’è stato, dal suo punto di vista, l’esordio dell’impianto dopo tutti i lavori di manutenzione fatti?

“Esordire al ‘Mancini’, seppur a mezzo servizio, è stata una vittoria di tutta la città perché vi assicuro che non era affatto scontato dopo l’inagibilità decretata solo a pochi giorni dall’inizio del campionato, l’obbiettivo è stato raggiunto solo grazie ad un duro lavoro fatto in tandem con la giunta Seri e le altre istituzioni fanesi e per questo ci tengo a ringraziarli. Ora però abbiamo altri ‘scogli’ da superare per riequilibrare i rapporti, a tal proposito a brevissimo sono previsti incontri con il sindaco per sistemare delle pendenze e ragionare su alcuni passaggi a vuoto che hanno incrinato un rapporto tra due persone serie come il primo cittadino ed il presidente della prima società sportiva della città di Fano. Quindi in questo momento storico, così delicato per lo sport più popolare del bel paese, è giunto il momento di dimostrare con i fatti oltre alla riconoscenza e stima, quello che il presidente Gabellini ha fatto per l’Alma e per la città di Fano. Ricordo a tutti che questo è il suo ottavo anno di presidenza e se la nostra realtà è tra quelle professionistiche l’unica a non avere subito un fallimento, nella nostra regione, il merito è solo di Gabellini che con immensi sforzi finanziari ha prima risanato una società e poi l’ha riportata nel calcio che conta”.

 

Una costante di questo avvio di campionato sono stati i tifosi granata che sono stati presenti al fianco della squadra nelle prime due impegnative trasferte di campionato e in più domenica non hanno smesso di cantare fino all’ultimo secondo di gara. Cosa si sente di dire ai tifosi in questo momento?

“Li ho ringraziati attraverso lo S.L.O. Giovanni Orciani e colgo l’occasione di farlo pubblicamente, sono stati immensi e molto maturi. Condividiamo questo punto con loro che ci hanno incitato sempre anche nei momenti più delicati della gara, li ringrazio anche per le due trasferte apocalittiche in giorni ed orari non agevoli. Concludo dicendo che solo quando si crea un’alchimia tra società, squadra e città si possono raggiungere risultati insperati, oggi vi è ancora la possibilità di fare l’abbonamento perché mai come in questo momento ‘l’Alma chiama’ ”.

Phone: 0721 828820
Fax: 0721 837329
via A. Toscanini
Italia, 61032 Fano