POST VICENZA – ALMA JUVENTUS FANO

VICENZA-ALMA JUVENTUS FANO 1906 2-1

VICENZA (4-3-3): Valentini; Bianchi, Crescenzi, Milesi, Giraudo; Bangu (14’st Tassi), Romizi (40’st Salifu), Alimi; De Giorgio (40’st Di Molfetta), Comi (14’st Ferrari), Giacomelli (23’st Turi). A disp.: Fortunato, Costa, E. Lanini, Magri, Viola, Ferchichi, Giusti. All.: Colombo.

ALMA JUVENTUS FANO 1906 (4-3-2-1): Miori; S. Lanini, Soprano, Ferrani, Masetti; Torelli (17’st Eklu), Capellupo (37’st Favo), Schiavini (27’st Rolfini); Filippini, Varano (17’st Melandri); Germinale (17’st Fioretti). A disp.: Thiam, Maddaloni, Costantino. All.: Cuttone.

ARBITRO: Robilotta di Casa Consilina.
RETI: 44’pt Romizi (V), 7’st Giacomelli (V), 36’st Fioretti (A) su rigore.
NOTE: espulso al 20’st Bianchi (V) per fallo da ultimo uomo; ammoniti Ferrani, S. Lanini, Romizi, Valentini; angoli 3-2; recupero 2’+4’; spettatori 7000 circa

VICENZA – Non è un mercoledì da leoni per l’Alma, che a Vicenza rimedia la quinta sconfitta di fila andando sotto 2-0 abdicando a cavallo dei due tempi prima del vano spunto di Fioretti. Mister Cuttone deve rinunciare nuovamente al centrale difensivo Gattari e stavolta anche al terzino sinistro Fabbri, il primo rispetto a domenica sostituito dal ristabilito Soprano ed il secondo da Masetti come accaduto al momento del suo grave infortunio occorsogli proprio contro il Ravenna. Torelli avvicenda invece Eklu nel ruolo di mezzala destra, ma la novità più rilevante è l’inserimento di Varano ed il relativo adeguamento tattico. Si passa infatti dal tradizionale 4-3-1-2 al 4-3-2-1, col sacrificio là davanti di Fioretti. Colombo desiste invece dall’idea di far turnover a centrocampo, dopo aver compiuto alcuni esperimenti nella decina di giorni avuti a disposizione per preparare questo match in coincidenza del turno di riposo osservato dai biancorossi. Anche al tecnico vicentino mancano due pedine della difesa, sul cui lato destro c’è Bianchi per Malomo ed a sinistra Giraudo per Beruatto. La partenza fanese è spigliata, potendo rammaricarsi al 9’ per il pallone sparato tra le braccia di Valentini da Varano sull’invitante appoggio di Filippini. Al 19’ il Fano rischia però grosso sulla ripartenza dei padroni di casa, che per sua fortuna con De Giorgio non approfittano appieno della perfetta imbucata di Giacomelli complice la tempestiva chiusura in seconda battuta di Soprano. Il Vicenza sembra crescere di tono in questa fase della gara, senza comunque arrivare a creare seri grattacapi a Miori. Almeno sino alla mezzora, quando il solito Giacomelli lambisce il palo con una rasoiata dal limite. Al 37’ altro brivido sull’affondo di Comi con scarico per De Giorgio, impreciso nel concludere quasi a botta sicura. Si soffre e ci si aggrappa ad un paio di provvidenziali interventi di Ferrani su altrettanti spioventi in area, prima di arrendersi al 44’ alla micidiale sassata di Romizi. Il gol era nell’aria, peccato sia giunto ad un passo dal rientro negli spogliatoi come a Padova e a Salò. Gli effetti evidentemente si fanno sentire ancora in avvio di ripresa, col tiro-cross di Bianchi che coccia il montante dopo essere stato deviato in mischia da un granata. Il 2-0 è solo rimandato, realizzato al 7’ da Giacomelli con un guizzo ravvicinato sulla precisa sventagliata di De Giorgio. La salita è irta, il Fano tuttavia non getta la spugna. Il neontrato Fioretti al 20’ costringe Bianchi al rosso per fallo da ultimo uomo, quindi al 35’ obbliga Valentini ad abbatterlo ed è freddo nel trasformare il conseguente rigore dell’illusoria speranza.

Phone: 0721 828820
Fax: 0721 837329
via A. Toscanini
Italia, 61032 Fano