INTERVISTA AD ENRICO BALDINI

Il match con il Carpi è ormai alle porte e gli uomini di mister Fontana sono focalizzati a riscattare il deludente 0-0 contro il Rimini. Una gara, quella di qualche giorno fa, già archiviata, ma sulla quale l’esterno Enrico Baldini è tornato per puntualizzare un concetto: “Partiamo da un presupposto: a mio giudizio l’inferiorità numerica non è stato un vantaggio. Personalmente, quando rimango in dieci, tendo a compattarmi; stesso discorso avviato dalla compagine avversaria che ha stretto i denti per mantenere il punto. Fossero rimasti in undici sarebbe andata diversamente perchè non avrebbero fatto quella partita che sono stati costretti a fare. Abbiamo avuto qualche occasione, una su calcio d’angolo, un altro su cross laterale che non siamo riusciti a sfruttare, però è stata un po’ la mancanza di attacco alla porta caratterizzato da un continuo giro palla a non regalarci i tre punti. Sono rammaricato perchè non ero felice dell’esito, però ormai è acqua passata. Abbiamo già il Carpi in testa”.

Il furetto di Massa ha parlato anche del suo percorso evolutivo: da un inizio un po’ obnubilato al gol contro la FeralpiSalò, segno della sua redenzione all’ottimo stato di forma attuale: “L’avvio di campionato non è stato un periodo facile perchè io non stavo facendo prestazioni. Prima pensavo alla squadra e poi ripiegavo sul personale. Ho fatto un po’ di analisi in famiglia di concerto con il mister e lì ho capito che dovevo mettere la testa giù e lavorare. Poi è arrivato il gol di Salò che mi ha sbloccato e che mi ha dato fiducia, aiutandomi ad uscire dall’empasse introduttiva”.

Fiducia che sia l’attaccante che tutti i suoi compagni di squadra hanno ricevuto dai tifosi fanesi, sempre vicino: “Il loro supporto è molto importante. L’averci applaudito a fine partita dopo un 6-1 non è da tutti, anzi. Il pubblico ci ha aiutato molto ad uscire dal momento no e la loro vicinanza la percepiamo sempre, anche mentre giochiamo. E ci dà la giusta energia per dare il massimo”.

Domenica, intanto, la prima delle tre tappe del tour de force in 8 giorni, ovvero Carpi: “Tutte le partite in tutti i campionati sono difficili, nulla è da prendere sottogamba. Il Carpi è una squadra che viene dalla Serie B ed è in un buon momento. Ma noi andremo lì a fare la partita, cercando di giocarla come tutte le domeniche. Dopo Carpi ci saranno Pesaro e poi Trieste, però ora testa a domenica senza andare già a pensare alle altre. Step by step arriviamo, con calma”.

Phone: 0721 828820
Fax: 0721 837329
via A. Toscanini
Italia, 61032 Fano