INTERVISTA AD EDOARDO TASSI

Un compleanno insolito, quello dell’attaccante granata Edoardo Tassi che, fino a qualche mese fa, non avrebbe mai immaginato di festeggiare il proprio genetliaco con i propri compagni di squadra. “Sono contento perchè è il primo compleanno che festeggio con la squadra da quando gioco a calcio. Solitamente il 10 giugno le stagioni sono già concluse. Invece questa pandemia ha fatto sì che si rimettesse tutto in gioco, rimescolando le carte delle decisioni. E quindi eccomi qui a festeggiarlo in ritiro con tutti i ragazzi. Questo è un compleanno particolare e non me lo scorderò mai”.

Da calendario, il campionato avrebbe dovuto chiudere i battenti il 26 aprile, ma il Covid ha scombussolato i piani diventando banco di innumerevoli discussioni, di lontananza dal calcio giocato e di cambiamenti sociali. Poco prima dell’ultimo consiglio federale, i granata si sono radunati pronti per giocarsi il dentro fuori nel playout e a respirare finalmente l’aria agonistica. “E’ stato bello ritornare ad allenarsi sul campo, una sensazione piacevole che mi ha fatto comprendere l’importanza di questo sport e del lavoro che faccio, pensiero, credo, condiviso anche dai miei compagni. Rivedere il campo, toccare l’erba, riprendere confidenza con la palla sono dettagli di cui avevo molta nostalgia. La voglia di tornare a giocare si è vista già da subito, dopo il primo allenamento: eravamo già attivi e pronti per tornare in pista”.

Dal punto di vista fisico e mentale, come confermato anche dal dott. Sanchioni, Tassi & Co. sono molto carichi: “Mi sento molto bene, sono sceso anche qualche chilo e sto recuperando la mia condizione fisica. Quando subisci due operazioni nel giro di poco tempo, rientrare non è semplice, si fa fatica ad essere al passo con la squadra. Invece questo periodo di clausura mi è servito per rimettermi in sesto anche fisicamente e potermi allenare al meglio delle mie forze”.

Sulla piega del campionato assunta in sede di consiglio, Tassi non esprime sorpresa: “L’avevo immaginato ed è accaduto. Che il campionato non riprendesse lo avevo pronosticato da subito, in quanto in Serie C sarebbe stato molto più complesso, invece avevo optato per la pista dei playoff e dei playout. Dopo la decisione dell’Assemblea di Lega Pro che aveva deliberato per il Carpi in B ed il blocco delle retrocessioni ero un po’ scettico, alla luce anche delle numerose polemiche che ne sono scaturite. Infatti nel successivo consiglio federale la scelta è ricaduta sui playoff e playout. Credo che sia stata la soluzione più giusta quella di potersi giocare la salvezza o la promozione sul campo”.

A proposito di promozioni, tra coloro che hanno centrato la B c’è la sua ex squadra, la Reggina. “Sono contento, lo scorso anno il Presidente era lo stesso Gallo ed aveva preannunciato che nel giro di qualche anno si sarebbe fatta la B. Spero che possano raggiungere al più presto la A, Reggio è una piazza che merita alti palcoscenici. Sono veramente felice per loro”.

Oggi, intanto, è arrivata l’ufficialità da parte della Lega delle due date dei playout, il 27 ed il 30 giugno. Incontri nei quali l’Alma sarà chiamata ad affrontare il Ravenna. “Il Ravenna è una squadra che ha delle individualità importanti e di categoria come Nocciolini, Giovinco, Jidayi, Caidi, ma ce ne sono anche tanti altri. E’ una compagine quadrata che adotta il 3-5-2 che in C è molto compatto e difficile da scardinare. Sta a noi trovare le giuste combinazioni per poter penetrarlo e prevalere sul piano del gioco”.

Il primo match del 27 giugno si disputerà al Mancini a porte chiuse. Un vero peccato che i tifosi granata non possano essere presenti ad incitare i propri beniamini sugli spalti: “Non mi piace giocare senza pubblico, è come se mancasse una parte essenziale del gioco del calcio, quella stessa componente che ti aiuta nei momenti difficili ad uscire e a risolvere le partite. Però dobbiamo pensare alla gara in sè ed a vincere perchè è l’unico risultato che ci può far rimanere in questa categoria. E la vittoria sarà tutta per i nostri tifosi”.

Intanto tra gli auguri di compleanno, spunta anche un’incitazione “Facci un gol contro il Ravenna”. “Volentieri, anche due (ride, ndr) – commenta Tassi – . Lo spero tanto e voglio farlo. Il mio obiettivo è quello di fare gol e mi auguro con tutto il cuore di poterlo realizzare”.

Phone: 0721 828820
Fax: 0721 837329
via A. Toscanini
Italia, 61032 Fano