INTERVISTA AD ANIELLO VISCOVO

E’ stato uno dei protagonisti del match d’inaugurazione del campionato 2019/10 al Mancini. Un esordio, quello tra i professionisti, che Aniello Viscovo ricorderà per tutta la vita. Non solo per il buffet offerto ai suoi compagni di squadra, ma per essere diventato l’incubo dell’attaccante rossoblù Alessio Di Massimo al quale, ad ogni incursione, ha detto sempre no. Una prestazione per la quale Viscovo ha ricevuto elogi da tutto il tifo granata ma anche dagli avversari, che hanno riconosciuto la sua impassibilità nonostante la giovane età.

Freddezza ed intuito il mix giusto per parare un rigore che, sull’1-1 avrebbe potuto concedere di nuovo il vantaggio agli ospiti: “Intuire la traiettoria dal dischetto è la cosa più difficile per un portiere, però sono riuscito a farlo ed ho salvato momentaneamente il risultato. Oltre alla gioia per aver salvaguardato la mia porta, ho pensato che ce l’avremmo potuta fare”. Al di là del risultato, la nota positiva è giunta dagli spalti sia in occasione del penalty negato, in cui si è registrato un boato proveniente dai settori locali, sia al triplice fischio finale. “I tifosi ci hanno coinvolto per tutti e 90′ e l’applauso finale è stata davvero una bella iniezione di fiducia. Complimenti a tutti”.

Ora testa al prossimo avversario, il Padova, reduce dalla vittoria contro la Virtus Verona. “I biancoscudati sono una squadra allestita per il vertice e sarà dura affrontarli in casa propria. Ma noi non ci faremo sorprendere. Siamo un gruppo compatto ed unito che lavora ogni giorno a testa bassa, seguendo i dettami di mister Fontana che ci sprona a dare il massimo ad ogni seduta di allenamento. un ringraziamento va anche a mister Barasso, un grande professionista con il quale sto crescendo piano piano e che mi aiuta a capire gli imprecisioni ed a trasformarle in punti di forza”.

Phone: 0721 828820
Fax: 0721 837329
via A. Toscanini
Italia, 61032 Fano