INTERVISTA A ROBERTO MARINO

La sua grinta agonistica e la sua tenacia nel difendere e recuperare palla, anche nelle situazioni più improbabili, ricordano un po’ il Rino Gattuso milanista. Quel calciatore che, alla domanda sul Ballon d’Or, rispose: “Il mio Pallone d’Oro è rubare più palloni possibile”.
Stessa risposta che potrebbe essere affibbiata al centrocampista granata Roberto Marino, nelle cui vene scorre il sangue della veracità di uomo del Sud, di Catania per la precisione, caparbio e ruggente proprio come il calabrese Ringhio.

Che il suo impiego sia da titolare che da subentrato, l’approccio alla gara è sempre condito da determinazione ed energia:
“Cerco sempre di stare sul pezzo, anche se non sono nell’undici titolare. Quando il mister mi manda in campo do sempre il meglio per la squadra. L’importante è contribuire alla buona riuscita della gara”.

Il centrocampista catanese riavvolge il nastro e torna indietro, al match contro l’Imolese: “Abbiamo giocato una buona partita. A differenza nostra, i rossoblù non hanno avuto molte occasioni dalla loro parte e, di conseguenza, anche noi non abbiamo corso rischi, comunque sventati da Viscovo. A mio parere abbiamo gestito al meglio il match, portando a casa punteggio pieno, obiettivo che ci eravamo prefissati e raggiunto. Dobbiamo continuare così, migliorando alcuni aspetti dove siamo un po’ incerti, proseguendo lungo questo solco tracciato dal mister”.

Intanto tra tre giorni farà scalo al Mancini il Rimini:”E’ importante fare punteggio pieno, specie con il Rimini. Giochiamo nella nostra casa, con il nostro pubblico e vogliamo sfatare il tabù abbattendo il muro delle zero vittorie casalinghe. Con l’Imolese siamo riusciti a duplicare la vittoria di Salò: ci abbiamo creduto fino alla fine e siamo tornati a Fano con i tre punti decisivi. Ora tocca ripetere la prestazione di domenica scorsa battendo il Rimini che è una squadra ostica. L’obiettivo però è uno solo: vincere”.

Phone: 0721 828820
Fax: 0721 837329
via A. Toscanini
Italia, 61032 Fano