INTERVISTA ED AUGURI DI BUONA PASQUA DEL PRESIDENTE GRANATA CLAUDIO GABELLINI

In vista della Pasqua che scoccherà nella giornata di domani, il Presidente granata Claudio Gabellini ha voluto rivolgere i suoi più sinceri auguri a tutto il tifo fanese. Con il numero uno dell’Alma ne abbiamo approfittato per analizzare anche gli ultimi sviluppi di una situazione in fieri, destinata a mutar pelle fino agli inizi di maggio.

Presidente Gabellini, sembra esserci uno spiraglio di ripresa degli allenamenti per inizio maggio. Secondo Lei potrebbe essere una data congrua oppure è il caso di aspettare?
“Di certezze francamente ce ne sono poche ma la ragione e le indicazioni sanitarie mi fanno rimanere sulle posizioni espresse il 10 marzo. La salute dei ragazzi e la situazione ambientale degli stadi credo siano elementi piuttosto preclusivi per una continuazione del campionato di serie C. Ritengo che lo sforzo della FIGC sia soprattutto indirizzato verso la ricerca di come concludere il campionato della massima serie nazionale dove diritti televisivi ed interessi dei maggiori sponsor nazionali ed internazionali rappresentano la vita e la morte dei club. C’è, dunque, una disperata ricerca di pensare come portare a compimento il campionato di serie A, ma le tante ipotesi poste sul tappeto sono ancora lontane dal prefigurare soluzioni accettabili. Tornando poi alla nostra C, tutti noi Presidenti ci confrontiamo quotidianamente in un forum digitale ed il sentimento prevalente che ne scaturisce va verso una pressochè unanime volontà di chiudere il campionato anzitempo. Le preoccupazioni sono sempre le stesse: come concluderlo sotto il profilo economico, come affrontare il prossimo, quali potranno essere le risorse disponibili e quali riforme occorrerà realizzare rapidamente per salvare la categoria. Temi forti e caldi, molto sentiti e dibattuti. Vedremo nel prossimo Consiglio di Lega Pro, in programma già per la prossima settimana, quali sintesi verranno poste dai Delegati all’attenzione del Presidente Ghirelli”.

Intanto la FMSI ha stilato il protocollo contenente la lista di test ai quali tutti gli atleti dovranno sottoporsi quotidianamente per potersi allenare. In termini economici, per le società di Serie C lo potremmo definire un vero e proprio salasso, considerata anche la prospettiva di un eventuale non ritorno al calcio giocato?
“Capisco che tutti i ragazzi scalpitino dalla voglia di tornare in campo ad allenarsi e per riprendere le attività agonistiche ma francamente anche le prescrizioni sanitarie introdotte dalla Federazione dei Medici Sportivi Italiani non aiutano sotto il profilo della semplicità. Certo, non possiamo banalizzare in poche battute quelle che sono le indicazioni dei medici, non abbiamo dubbi che siano utili e sostanzialmente efficaci per garantire la buona salute di tutti, ma risultano anche complesse ed onerose ed implicano un sistema organizzativo e costi poco compatibili con l’attuale situazione in cui versano la maggior parte delle squadre di serie C”.

Per quanto concerne il capitolo stipendi, sembra essersi trovato l’accordo tra Lega Pro-AIC-AIAC per la cassa integrazione dei calciatori. Crede che possa essere un intervento atto a dare ossigeno alle casse dei club?
“Su questo tema sono state profuse tante chiacchiere e discussioni ma non abbiamo ancora oggi un supporto normativo chiaro per l’applicazione della CIG. Abbiamo l’impegno dei politici per l’introduzione di una norma specifica nel prossimo DPCM. Vedremo anche in questo caso se le promesse saranno rispettate. Tutti i team ci contano!

Presidente, domani è Pasqua. Quale messaggio vuole inviare a tutti i tifosi granata?
“In una situazione drammatica, imprevedibile ed imprevista come quella che stiamo vivendo e che anche qui a Fano ha pesantemente ferito tante famiglie, auguro a tutti che questa Pasqua sia il momento nel quale recuperare un po’ di serenità e che sia soprattutto il primo passo a segnare un positivo e netto miglioramento nella vita di tutti noi”.

Phone: 0721 828820
Fax: 0721 837329
via A. Toscanini
Italia, 61032 Fano