INTERVISTA AD ENRICO BALDINI

Velle est posse. Alle ultime prestazioni in crescendo è mancata quella golosa ciliegina sulla rosa di panna dal nome gol. Lo chef Baldini avrebbe potuto porla nella gara contro il Ravenna, ma quel palo ha sciupato un’opera perfetta.
Senza scomporsi e con la grinta in spalla, l’ex Inter ha dipinto un gol da cineteca mescolando altri tipi di ingredienti ed indossando la divisa da falso nueve di guardioliana memoria. Sfogliando l’album dei ricordi, il “falso nove” più prolifico della storia fu un certo Ferenc Puskas. Uno che ha segnato 352 volte in 341 partite in Ungheria e 157 volte in 182 partite nel Real Madrid. Niente male si direbbe per uno che di mestiere faceva la mezzala. E chissà che l’eccellente prestazione messa a segno nella gara contro i gardesani non valga al funambolo di Massa il cambio di direzione nella zona centrale del campo. “Durante il riscaldamento al Turina mi sono posizionato due o tre minuti davanti alla porta mentre portavo palla, cercando di visualizzarla da diverse posizioni – le parole nel post-gara – . L’avevo già fatto con il Ravenna beccando un palo. Mi piace, sono dentro al gioco e riesco a giocare più palloni”. Facta manent: Baldini inventa, crea, disfa, elabora, pennella. Il suo sigillo di ceralacca è presente nell’azione del gol di Paolini, anche lui ex Ascoli ed alla prima rete in granata e nel cuoio del baby Di Francesco, in cui si porta a spasso l’avversario tarantolato. “Non importa il ruolo, ma il modo in cui giochi. Con il modus intendi del calcio di mister Fontana siamo interscambiabili e duttili. Per me l’importante era segnare e finalmente ci sono riuscito. E’ vero, siamo una squadra di ragazzini, ma abbiamo fame. Siamo stati il Davide che ha battuto Golia. E lo abbiamo fatto grazie alla nostra sete di vittoria che ci ha regalato i tanti agognati tre punti. Ma è già tempo di pensare alla gara contro il SudTirol. Sarà una partita maschia, dura e noi dovremo essere bravi a non montarci la testa e rimanere umili e con i piedi ben saldi a terra come mister Fontana ci ripete ad ogni seduta”.
La sua sostituzione alla mezz’ora del secondo tempo ha suscitato applausi sia dalla tifoseria ospite che locale, esterrefatta dalle giocate del classe ’96. “I tifosi? Tanta roba. Veramente tanta tanta roba. Non ho altro da aggiungere”.
E noi invece qualcosa lo aggiungiamo. Forza Baldo, continua così!

https://www.facebook.com/almajuventusfano1906/videos/393731814902999/
Phone: 0721 828820
Fax: 0721 837329
via A. Toscanini
Italia, 61032 Fano