A GIUGNO GABELLINI LASCIA

A GIUGNO GABELLINI LASCIA

FANO – “Manterrò gli impegni presi, farò di tutto per mantenere la categoria ma a fine stagione lascio la squadra”. Claudio Gabellini è un vulcano. Il patron granata lancia un messaggio fortissimo alla Fano calcistica, assumendosi, come sempre, le proprie responsabilità.

Sono 6 anni che ci metto soldi, tempo e passione – tuona Gabellini – è arrivato il tempo di dire basta. Il calcio fanese poggia solo sulle mie spalle, nessuno si è mai avvicinato per dare concretamente una mano. Addirittura, sono stato costretto a rattizzare i debiti della passata gestione, senza dimenticare che proprio ieri ho pagato regolarmente gli stipendi per una cifra vicina ai 150 mila euro. Se qualcuno volesse strumentalizzare questa mia presa di posizione, assicuro che a gennaio rinforzerò la squadra, farò di tutto per salvare la categoria e poi farò un passo indietro”.

Gabellini mette a corollario anche il poco dinamismo cittadino: “La posizione della squadra rispecchia la progettualità della città. In un container organizziamo tante iniziative, facendo le capriole ogni volta. La politica? E’ stato solo capace di salire sul carro del vincitore. Nel 2012 mi hanno letteralmente preso in giro con una finta delibera per una elargizione di 50 mila euro che non ho mai visto. All’amministrazione attuale abbiamo fatto sempre delle richieste oneste. Addirittura per allenarci siamo costretti ad andare a pagare i campi a Pesaro, che rispetto a noi progetta, con un piano di sviluppo alla base, e realizza infrastrutture. Qui a Fano l’Alma è retta dai miei sforzi, senza che nessuno dell’imprenditoria abbia mai condiviso nulla per sostenere un progetto virtuoso. Non i tifosi, ma ripeto il tessuto economico non ci ha mai aiutato”.

Ed ancora: “Tutti dicono che l’Alma sia un simbolo. Simbolo dal latino prende il letterale significato di ‘ciò che unisce’, la nostra squadra invece viene osteggiata e offesa pesantemente sui social. Chi lavora e fa questa professione ha il diritto di poter fare il proprio meglio serenamente”.

Un passaggio doveroso anche sulla parte sportiva: “Sono convinto che lo staff tecnico avrà la forza di uscire da questa situazione. Quindi Menegatti e Cusatis continueranno a operare con la nostra fiducia. A gennaio faremo delle operazioni per rinforzare la squadra, con la consapevolezza che dovremo dare il massimo”.

Website Security Test