INCONTRO RESPONSABILI GIOVANILI, IMPORTANTE NOVITA’ PER LA BERRETTI

Formazione, crescita, valorizzazione dei giovani e sostenibilità sono i concetti-chiave dell’incontro che si è tenuto ieri presso la sede della Lega Pro tra Demetrio Albertini, presidente del Settore Tecnico della FIGC, ed i responsabili dei settori giovanili dei club di Lega Pro.
Presenti anche il presidente della Lega Pro Francesco Ghirelli, il segretario del Settore Tecnico, Paolo Piani e Filippo Galli, componente della Sezione per lo Sviluppo del calcio giovanile e scolastico.

Per l’Alma Juventus Fano ha partecipato il Responsabile del Settore Giovanile Matteo Roguletti che ha illustrato i punti salienti dell’incontro: “E’ stato presentato il nuovo corso di Responsabile del Settore Giovanile che partirà in una prima fase a novembre rivolta agli addetti della Serie A; a febbraio invece, per quelli della Lega Pro. Questo corso si va ad in inquadrare in una mission che si prefigge la Lega Pro di lanciare i giovani e formare le figure professionali che gli stessi dovranno seguire e che saranno fondamentali per il loro percorso di crescita. Il corso è composto da 192 ore e va a costituire una figura che, a livello europeo, è già ampiamente riconosciuta. Per quest’anno è prevista la fase ad invito; a partire dal prossimo, verrà pubblicato un bando dal Settore Tecnico per poterVi partecipare e ricevere l’abilitazione”.

Ma la vera chiave di volta è un’altra. “A partire da oggi è stata avviata una riforma importante a livello di Lega Pro: dal prossimo anno non esisterà più la categoria Berretti che verrà sostituita da due serie: Primavera 3 e Primavera 4. Il campionato Primavera, tramite il meccanismo di promozione e retrocessione, si snoderà in 4 ramificazioni: 1, 2, 3 e 4. Una società di Lega Pro che lavora bene potrà ritrovarsi in Primavera 2 o 1 come viceversa una società di Serie A rischia di andare in 3 o 4. Questo comporta delle modifiche alle strategie. Per le società di Lega Pro quest’anno il criterio sarà che le prime 5 di ogni girone saranno ammesse alla Primavera 3, mentre le ultime 5 di ogni girone formeranno la Primavera 4”. Una riforma che dà valore ai risultati maturati sul campo dai ragazzi della Berretti, finora soltanto fine a se stesso: “E’ un premio per coloro che investono nel settore giovanile. Oltretutto il fatto che si inneschi un meccanismo di promozioni e retrocessioni dà una valenza diversa al campionato perchè prepara i ragazzi ad un campionato dove il risultato conta come quello della prima squadra. Sta nell’intelligenza e nella professionalità di ognuno guardare non solo al risultato ma anche alla crescita del ragazzo che è una gratificazione sia per chi sta dietro la scrivania che per chi va in campo. Poi l’obiettivo è sempre quello di formare i giocatori. E’ chiaro che se si può salire ad un livello più alto è un bene sia per loro che per la società”.

Phone: 0721 828820
Fax: 0721 837329
via A. Toscanini
Italia, 61032 Fano