Il Direttore Generale Simone Bernardini ai nostri microfoni

Buonissima prestazione della squadra contro la FeralpiSalò, soprattutto si è visto il grande cuore e la reazione che in diverse partite è mancata, ma c’è anche qualcosa da recriminare.

“La squadra ha fatto, come spesso ci capita, la prestazione, nonostante nella parte iniziale del secondo tempo loro siano stati più attenti, mettendoci spesso in difficoltà; oltre al palo di Baldini ed alla conclusione sporcata di Nepi nel finale salvata sulla linea dal portiere, non possiamo soprassedere al fatto che ci siano stati negati ben tre rigori, quindi recriminiamo e poi come”.

Con Mister Destro sono stati fatti sette punti in sei gare, si può definire un buon andamento soprattutto perché è arrivata la prima vittoria stagionale.

“Destro sta facendo il suo lavoro in maniera professionale, e qualche cosa in piu l’abbiamo raccolta, ma noi siamo convinti che questo non sia un gruppo che deve stare in fondo alla classifica e lo abbiamo dimostrato in quasi tutte le prestazioni, nelle quali, mai nessuna squadra ci ha domato”.

La Lega sta sensibilizzando con lo slogan “Salviamo lo sport” le diverse difficoltà delle squadre che non hanno l’entrata del pubblico e l’economia generale rende restie le aziende a sponsorizzare. Come si può fare per superare questo momento?

“Il presidente Ghirelli ed i suoi colaboratori si stanno adoperando, anche con coraggio, per raccogliere il “grido di dolore” di noi società di Lega Pro. Ragionevolmente parlando però, credo che se la Lega di serie A non inizi a comprendere appieno il valore aggiunto che le 60 società di serie C rappresentano per il panorama calcistico nazionale e mondiale, si possa fare ben poco, in quanto non c’è peggior sordo di chi non vuol sentire. Un’altra idea potrebbe essere quella di sensibilizzare i grandi e grandissimi calciatori di serie A affinchè possano cederci una piccola percentuale dei loro corrispettivi per dare una concreta mano ed al tempo stesso un esempio al mondo istituzionale. È giunta l’ora di comprendere che fare calcio in serie c é molto più complicato che farlo in qualsiasi categoria dilettantistica, e chiaramente anche nelle altre due serie professionistiche”.

È arrivata per lei anche un’inibizione per delle critiche rivolte alla terna arbitrale dalla tribuna. Cosa ci dice in tal senso?

“Oserei dire: oltre il danno la beffa. Non solo non ci hanno permesso di vincere la gara con errori macroscopici e grossolani per il calcio professionistico, ma addirittura non ci consentono piu di lamentarci nemmeno dalla tribuna. Cercheremo di adeguarci anche a questo nuovo metro di giudizio, ma la delusione è enorme, non solo per la prima inibizione della mia carriera, ma anche per la sanzione, che non credo sia meritata in un momento come quello che stiamo vivendo come società. Ci tengo ad evidenziare che grazie prevalentemente agli sforzi del Presidente Offidani, questa società in tempi di Covid ha già saldato quattro stipendi ai nostri tesserati, con le relative contribuzioni, e si accinge a saldare il quinto per il 27 dicembre”.

Phone: 0721 828820
Fax: 0721 837329
via A. Toscanini
Italia, 61032 Fano